"I Senza-Tempo": recensione di Ariano Geta

/
1 Commenti

Dal blog di Ariano Geta (pseudonimo dell'autore) un'altra breve ma positiva recensione del romanzo

Il "Grande Avvilente" Alessandro Forlani ha meritatamente ottenuto la pubblicazione del suo romanzo "I Senza Tempo" nella collana Urania.
Avendolo letto, posso dire che è un'invenzione continua, sia a livello linguistico che narrativo. La vicenda - lineare ma non monotona - ruota attorno a una figura mostruosa affamata di potere e di carne infantile risvegliatosi dopo secoli, a una ragazza che ha materializzato il mondo dei manga nella sua vita reale, a un figlio di immigrati semi-autistico ma tutt'altro che ritardato, e a vari altri personaggi straordinariamente costruiti.
Per descrivere questo romanzo ho coniato una metafora che apparentemente può sembrare offensiva, ma in realtà è un complimento, e infatti lo stesso Alessandro Forlani la ha apprezzata molto: è come quei film fanta/horror trasmessi nei drive in americani in cui il regista gioca consapevolmente coi cliché di quel genere.
"I Senza Tempo" diventa quindi un artificio letterario (ma non pedante) arricchito da citazioni colte (la civiltà del Barocco), cultura popolare (manga e anime) e satira sociale (dovreste vedere l'Italia del 2024 in cui si svolge gran parte della vicenda: così fantasiosamente... realistica, ahimé).
Un romanzo di genere che non passerà inosservato.


You may also like

1 commento:

  1. Alla fine ho preferito mantenere la recensione che già conoscevi. Comunque il volumetto l'ho trovato, peraltro proprio nell'edicola sotto casa (massimo risultato col minimo sforzo) quindi leggerò anche gli altri tuoi racconti. Ma già so che l'autore è una garanzia ;-)
    Sugli altri due racconti a complemento di altri autori, ti saprò dire dopo averli letti.

    RispondiElimina

Edited by K.D.. Powered by Blogger.