E insomma: storytelling

Insegno ufficialmente la materia da ormai sette anni; una delle mie cattedre, in Accademia di Belle Arti, è appunto "sceneggiatura e storytelling". Il che dimostra che neppure il Ministero dell'Istruzione ha ben chiaro che discipline, pratiche e competenze richiedere agli insegnanti e trasmettere agli studenti: presenti e futuri tecnici professionisti di quest'ambito. Né è chiaro il significato di questo termine assurto in questi giorni ad arcano abracadabra.
Associare sceneggiatura e storytelling è infatti equivocare allo stesso modo dei tanti, troppi dilettanti che - poiché in diversi contesti propongono narrazioni - si persuadono, mentono e fingono storytelling.
Cosplayer di dame elfiche che si esibiscono all'arpa celtica in occasione di, ehm, rievocazioni storiche presso i borghi medievali dell'interland interpretano cantastorie, non sono storyteller. Sceneggiatori di fumetti che diventano storyteller in conseguenza del solo fatto che lo applicano ai comics, oh yeah, restano sceneggiatori: non è la stessa cosa. Romanzieri, novellisti, autori di fiction che si infurbiscono di qualche trucco e tecnica americana si promuovono storyteller: non funziona così.
Storytelling è qualcosa di arido e intrigante, perfido ma lirico e razionale ma appassionato.
Storytelling è Mario Bros Monti-Balotelli che, nella sera del 28 giugno 2012, segna goal alla portiera Angela Merkel in occasione della eroica semifinale di Campionato di Maastricht.
Storytelling è la tenzone iconografico-poetica fra Pepsi e Coca-Cola sui manifesti per Halloween:


Storytelling è lo spot Sky coi Santa Claus protagonisti di Salvate il Soldato Ryan; Batman; Il Signore degli Anelli; Pirati dei Caraibi e altrettanti viscerali immaginari quanti sono i fotogrammi di quei trenta secondi:


Semplice, geniale:

l'applicazione di tecniche narrative - le stesse della fiction - all'ambito della comunicazione economica, aziendale, politica e militare

Stop. Mandiamolo a memoria, ché è più breve di un paternoster. Non ha nulla a che fare con lo script per il fumetto, il cinema, la tv, il liuto o la celesta del roleplayer menestrello; non è narrativa di genere.
Fraintendere, non sapere, abbozzare "massì, è lo stesso" può essere pericoloso: perché si resta nell'illusione che tali ambiti siano estranei a forme, strutture e linguaggi che si usano e si ascoltano in contesti di finzione; e ne consegue che ciò che dice la politica, il mercato e l'economia dev'essere senz'altro pertinente la realtà.
Lo sappiamo che non è vero.
Negli States è un distinguo specialistico e delicato: tanto che in storytelling ci si può laureare; non è un bizzarro "modulo", seminario o il capriccio di un professore. Quando invece l'ho proposto a un illustre ateneo, in Italia, la risposta che ho avuto dal Direttore di Facoltà (Lettere) è stata che:

(...) la ringraziamo per la proposta, ma le esercitazioni di italiano scritto sono già affidate ai titolari di cattedra.

Sic.
Mi affanno già da anni a diffondere Storytelling di Christian Salmon; a indirizzare gli interessati al lavoro di Andrea Fontana: che, da quello che mi risulta, è l'unico storyteller di chirurgica competenza in questo paese di rumorosi tuttologi.

Non è disonesto aumentare il prezzo di una bibita imbottigliandola in una storia accattivante; non è disonesto scegliere parole. Oggi invece lo storytelling è fedifraga, fraudolenta pietra filosofale di certi ipocriti contaballe - con "una donna e qualcosa", per citare De André... - che dalle pagine di troppi magazine e troppo web riferiscono, con isterica allegria, che ora proprio ora, in una qualunque meravigliosa piccola città, come la tua, un qualcuno-qualunque altrettanto meravigliosamente te sta creando cose meravigliose ma un po' più meravigliose di quelle che fai tu; che - resta inteso - ne combini altrettante. Siamo tutti degli "intorno-a-noi" rincretiniti da Megan Gale. E però costoro tacciono sui vantaggi economici, sociali, connettivi e culturali che troppo spesso "chi ce l'ha fatta" ha su di te; e ti illudono che diffondere una webserie su YouTube ti paghi le bollette e i mutuo della casa.

Ed oggi lo storytelling è altrettanto, tuttavia, la Pandora di chi si indigna e la polpetta degli arrabbiati; di chi latra, già a priori, che "ci prendono per il culo!"

Galeotta un'intervista ad Alessandro Baricco - la cui untuosità non voglio commentare - un'idea di storytelling radical-pourparler ha stordito in questi giorni le bacheche dei socialnetwork: al palinsesto di TeleRenzi cui l'Italia si è ridotta si aggiungono, adesso, i corsi Scuola Holden di Supercazzola Creativa. Spero - con Merlino in Excalibur di J. Boorman - che la maledizione degli uomini sia che essi dimenticano: ché nei confronti dei portavoce, ideologi, intellettubbies del cartoon nazionale la damnatio memoria, l'ignorarli, è l'antidoto più efficace.

Ma gridare al signor Baricco partiture di vaffanculo; abbaiare alle tastiere che sia tutta una montatura, ma che a noi non ci infinocchiano; o accettare e subire, è lo stesso un partecipare alla trita gag dello sbirro buono e dello sbirro cattivo.

Fosse pure che l'intento sia un ignobile vendere, persuadere, "votaantoniovotaantoniovotaantonio", tormentava Totò, intendiamoci su un fatto: si tratta di racconti.

Mi chiedo, perciò: dove sono - a fronte di queste tecniche, stratagemmi narrativi - quelle frotte di spettatori di series, saghe, lettori di trilogie, che sanno & capiscono di plot, di personaggi; che questo è scritto male e quell'altro è prevedibile; che è uno spoiler ma si sapeva, eccetera? Se ci vantiamo di non essere lettori ingenui, ma capaci di godercela con secchielli di pop-corn, perché - allo stesso olimpico modo - non leggiamo le reclame, le ANSA, le veline, non ascoltiamo le conferenze-show stampa, gli onanismi cross-mediatici di certi personaggi? Ammantarci di lacrime, arcobaleni e tricolori francesi, e il fragile giorno dopo armarci di spada laser made in Disney su una foto-profilo Facebook, ci assume a figuranti di una medesimo progetto editoriale, qual è quello che auspica il Miniver orwelliano.

Ci vantiamo d'essere un pubblico navigato, ma litighiamo per il biglietto d'ogni fottuta volgare replica: quand'è stato che abbiamo dimenticato che lo spettacolo va a gambe all'aria se il pubblico lo diserta?


Alessandro Forlani

sedicente scrittore, è nato negli anni '70 del XVII secolo, si è reincarnato nel XIX, nel XX e millenni a venire. Nerd, negromante e roleplayer e autore "difficile" di racconti fantastici. Di giorno si impaluda da docente universitario e ciacola di sceneggiatura, cinema e scrittura; di notte, che dovrebbe far l’artista, piuttosto guarda film, legge fumetti, ascolta musica barocca, gioca a soldatini e poi va a dormire. Perché crede che sia più sano scrivere in questo modo.

6 commenti:

Edited by K.D.. Powered by Blogger.