Che si fugge tuttavia

/
7 Commenti
Ieri sera si godeva l’ora d’aria col Famoso Scopritore di uno scheletro di Fastitocalon, conteso a revolverate ai Nazisti Cannibali. Ispirati da quella Prodigiosa Ragazza che procura ad Annibale gli elefanti a vapore, ci si chiedeva dove saremo nel 2022, cinquantenni pressappoco felici; ci si dava cinque opzioni possibili. Io supponevo:

Accademico di 24° livello
Ho tre cattedre in altrettante università, gli studenti però non mi hanno mai visto perché delego le lezioni a un esercito di assistenti. La mia presenza si limita a seminari di 9 ore in cui monologo di quello che mi và, non importa se inerente la materia. C’è però che l’accademia è all’osso: non ci sono più fondi, non si fanno più concorsi, i giovani italiani disertano le facoltà accortisi finalmente che non producono nulla. Mi occupo di sceneggiatura, crossmedia e storytelling: perciò nessuna crisi di governo potrà mai elevarmi al rango di premier tecnico; a meno che qualche fanatico al potere istituisca il Ministero dello Show Don’t Tell, il Dicastero del PoV o Commissioni per l’Infodump. La meschina condizione universitaria non mi stimola, non mi motiva, non m’incoraggia a approfondire gli studi; l’unico significato della parola “ricerca” è afferente l’homepage di Google. Quindi non farò Punti Esperienza: relegato nel mediocre limbo di un livello alto ma mai nella gloria del 36° e dell’Immortal. Solo, come un tale barbogio merita di restare, dovrò impormi l’esercizio Zen di distogliere lo sguardo dalle curve delle studentesse. Il mio unico, miserabile piacere sarà l’ossequiosa musica del chiamarmi “professore”.
Piuttosto il seppuku.

Mahatma Disoccupato
Lavoro non ce n’è più, e quel poco & manuale che resta non lo affidano certo a uno scrittore di mezza età. Però non mi interessa: ho la pace dei sensi, mi alieno alle cose. Grazie al Cielo ho un gruzzoletto nel materasso, non mangio granché, non ho l'auto, non fumo. Libri e dvd sostituiscono il cinema, il teatro, le pubbliche occasioni, gli amici. Non esco (ho vergogna di come sono abbrutito), sono un orso eremita; riduco il guardaroba all’economico ed essenziale e spero che quei tot euro mi bastino fin la morte. Delle spese del funerale se ne occupi la polizia: quando, allertata da un vicino di casa dall’olfatto sensibile e lo stomaco delicato, farà irruzione nella mia topaia e troverà il mio cadavere in stato di avanzata decomposizione. Sarò morto da giorni e nessuno ci avrà fatto caso, edotto finalmente nei Misteri di Anubi.
Venite, vi prego, e prendetemi a calci in culo.

Chi Avrebbe Mai Detto Che
Quivi raccolte le insondabili prospettive, ciò che insomma quaggiù perdesti mai & lassù salendo ritrovar potrai: i lanci di d20, quell’unico Gratta & Vinci, l’infarto, l’autobus che passa e ti travolge stasera; gli tsunami, i sismi e gli asteroidi. Fronte capillata sed plerumque sequitur occasio calvata; volvitur in rota: e da quando il Destino in pensione ha ceduto l’incarico a Mike Bongiorno transustanziato può accadere davvero tutto. Io che ne so?

Arrr!
Chiacchiero abbastanza bene di diverse discipline, mi diverto a contaminare materie, non m’annoia prendere treni, mi accontento di poco. Resto curioso, sempre, di tutto. Attento all’igiene, alla linea quel che si può, dignitoso & piacevole in giacca e camicia blu tratto l’università come qualsiasi baldracca: tengo corsi, conferenze e seminari all’Alma Mater come a ScuolaComics, in illustri Fondazioni come in un club di giocatori di ruolo. Organizzo attività culturali, mi presto a sceneggiature. Dall’Alpi alle Piramidi al Manzanarre al Reno: purché gettonato. Me ne frego allo stesso modo del prestigio e l’editoria e continuo a sfornare racconti e pubblicare su blog: per la goduria dei miei cinque, landolfiani lettori che spero per allora siano almeno decuplicati. Accanto ho una ragazza di quarant’anni, nerd & cretina quanto me, che mi apprezza perché resto un marmocchio, perché la faccio ridere e con me non si annoia. Che sopporta i miei capricci umorali; che lunedì mi accompagna a una convention a Bologna come io la accompagno, martedì, a una sua iniziativa a Napoli o Palermo; siamo l'un per l’altra la borsa di Mary Poppins.
C’è quella paroletta… “felicità”, mi sbaglio?

Poca favilla gran fiamma seconda
Nel più splendido, banale uso comune dei due termini la stampa mi riassume con “scrittore di successo”. Non faccio in tempo a scrivere fine a fondo cartella che i produttori bisticciano già se l’eroina debba essere interpretata da Bianca Balti o da Lily Cole; la cattiva sarà Cate Blanchett e su questo non si discute. Il videogame è uscito prima del romanzo e i lettori e giocatori sanno quasi meglio di me come finisce la storia. John Blanche mi tartassa di mail per ottenere di disegnarmi le copertine; Alan Moore, dall’alto dei Cieli, si mangia le mani del non essere vissuto abbastanza a lungo da poter lavorare insieme. Anche quest’anno, che noia che barba, sono invitato alla notte degli Oscar. Scrivo splendidi romanzi di avventure fantascientifiche finalmente alleggeriti di pessimismi e intellettualismo; ho spernacchiato Mondadori ed Einaudi e ho fatto la fortuna di quel piccolo, pazzo editore che nel 2012 ha creduto e investito in me. Da Fazio non ci vado, si badurli con Saviano; Tiziano Scarpa e quelli che gli somigliano ghignano di me con supponenza e a ragione: ammuffiscano pure nelle coscienze indignate; mummie avvoltolate in bende di pagine di “Repubblica” e del “Sole 24Ore”. Ma io sarò, per i prossimi cento anni, nei cuori coraggiosi di adolescenti e di adulti che da bambini volevano fare l’astronauta. Quando costoro elencheranno con occhi lucidi & ludici quelli come Verne, Salgari, Lovecraft, Howard, Tolkien, Ph. Dick, Ursula Le Guin, Martin o la Rowling io ci sarò. Vivo solo, in una casa grande e barocca con vista sull'Adriatico: e accolgo quelle splendide Nove, birichine Ragazze e il loro Capo biondo come il Sole.
Mefistofele, dove devo firmare?

La cosa bella di questo sciocco post (grazie, Davide Mana) è che da qualche, luminoso tempo a questa parte le due ultime ipotesi mi sembrano le più probabili. 


You may also like

7 commenti:

  1. Incrocio le dita, goodspeed!

    RispondiElimina
  2. Io lo dicevo che puzzava di meme il post di Davide! XD

    Quale che sia la realtà del tuo futuro, Alessandro, ti auguro quella paroletta... "felicità". ;) E anche di sfondare con la tua scrittura, che te lo meriti. :)

    Ciao,
    Gianluca

    RispondiElimina
  3. Stupenda visione del futuro, l'ultima dell'elenco! :D Chissà che si avveri in qualche modo ;)

    RispondiElimina
  4. mi hai fatto piangere dalle risate! :D

    RispondiElimina
  5. Allora resta solo da scegliere tra essere felici o vendere l'anima, spero per te che la felicità ti porti alla quinta vita senza doverla vendere :D
    (Nel caso, ho il suo numero ;) )

    RispondiElimina
  6. Grazie ragazzi :-D e ora il virus è diffuso... tempo una settimana e leggo i vostri cinque futuri, verooo? ;-)Se la quinta, rosea visione si avvera vi inviterò a vivere insieme di gozzoviglie per il prossimo mezzo secolo.

    @Domenico: dunque, mi dicevi? 0666... 666... poi?

    RispondiElimina
  7. Oddio, un altro post virale che mi solletica l'immaginazione? Cavolo, non finirò mai di mettermi in pari :P

    Comunque, ti auguro una fusione fra quattro e cinque ^^

    RispondiElimina

Edited by K.D.. Powered by Blogger.