Un racconto per Francesco Petrarca

Ferruccio Gianola promuove una terza edizione del suo simpaticissimo concorso "Dedica un racconto al tuo autore preferito": le regole nel link. L'ultima volta partecipai con Landolfi, quest'anno propongo Francesco Petrarca. Ecco la novelletta con cui gareggerò:


Per  Ettari di Terra Rorida di rugiada, All’alba, Ramingo, nei Contadi lo si vide Aggirarsi lamentando  l’inquieta giovinezza, i patemi di un amore che fu; sorridere e vergognarsi, con il volto fra le mani, dei ridicoli atteggiamenti che tenne in quegli anni. Implorava lo perdonassero.

«Accadde a Lione, e la ragazza morì di parto: consolati», gli amici lo confortavano. Non sapevano serbasse in un cassetto un’ampolla d’acqua dolce, fresca, ed una ciocca dorata.

A sera rientrò, pregò la Vergine e si sedette. Ridusse in frammenti quei volgari ricordi. Claudio Monteverdi, seduto al davanzale, accordava la viola ai suoi rantoli di vegliardo.

Alessandro Forlani

sedicente scrittore, è nato negli anni '70 del XVII secolo, si è reincarnato nel XIX, nel XX e millenni a venire. Nerd, negromante e roleplayer e autore "difficile" di racconti fantastici. Di giorno si impaluda da docente universitario e ciacola di sceneggiatura, cinema e scrittura; di notte, che dovrebbe far l’artista, piuttosto guarda film, legge fumetti, ascolta musica barocca, gioca a soldatini e poi va a dormire. Perché crede che sia più sano scrivere in questo modo.

10 commenti:

  1. Grazie, sia per la partecipazione sia per la segnalazione:-)

    RispondiElimina
  2. Una grande malinconia mi ha preso ...

    RispondiElimina
  3. Impeccabile scrittura come sempre. Ma confesso che mi sfugge il nesso con Monteverdi. Puoi tu rivelarmelo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Claudio Monteverdi ha composto alcuni madrigali su sonetti del "Rerum" di Petrarca, uno anche sul "Voi ch'ascoltate in rime sparse il suono", appunto :-)

      Elimina
  4. Molto bello,lo avevo già letto durante il concorso, hai fatto bene a riproporlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Signora (un pò sapevo già che vi sarebbe piaciuto :-)); anche se al concorso, se ben rammento, faticò a conquistare l'undicesimo posto!...

      Elimina
  5. Fu molto strano, in effetti.

    RispondiElimina

Edited by K.D.. Powered by Blogger.