Un'intervista per "Urania"

/
4 Commenti
L'intervista, a cura di Giuseppe Lippi, apparirà su "Urania" di novembre come introduzione al romanzo "I Senza-Tempo"

Come è nata l'idea dei Senza-Tempo e come ci ha lavorato?

I Senza-Tempo appaiono in molti miei racconti: incarnano la gerontocrazia come forse il peggior male del Paese, e molti impulsi degenerati, soprattutto la pedofilia. Li immagino come scienziati-stregoni che, da almeno il XVII secolo, sposarono le arti mistiche a certi principi della quantistica e riuscirono in questo modo ad affrancarsi dalle leggi fisiche. Piuttosto che elevarli alla condizione di illuminati, come pretendono le discipline esoteriche, questo potere pervertì il loro carattere e li rese antropofagi. Inoltre i Senza-Tempo sono costretti, per protrarre le loro vite contro natura, a sottrarre energia dalla realtà circostante, sfilacciarne il tessuto, sfasando persone e cose nello spazio e nel tempo. Il loro unico, maligno scopo è perpetuare le loro empie esistenze; sono menti malate, crudeli e potenti che divorano l’altrui realtà, soprattutto l’altrui futuro. Dopo molti, troppi racconti in cui questi figuri si ostinavano a tornare, ho deciso di dedicare loro un romanzo che esprimesse, anche, un confronto fra ciò che i Senza-Tempo rappresentano e il disagio e l’immaginario della mia generazione. La stesura in principio andò a rilento, poi fui stimolato a completare il progetto dall’essermi trovato in finale al Premio Urania 2010; mi sono convinto che il mio lavoro potesse interessare la collana e, da luglio a ottobre dello stesso anno, sono tornato sul manoscritto.
Poiché credo che il lettore di domani sarà un lettore sempre più "cinematografico", benché consapevole che la prosa non è sceneggiatura, ho strutturato il racconto cercando di imitare le tecniche di scrittura e montaggio del cinema: l’alternanza dei punti di vista e l’uso dell’imperfetto simulano modi quali il campo/controcampo, il piano sequenza, i movimenti di macchina, la durata di un’inquadratura… Pur trattandosi di narrativa "di genere" i Senza-Tempo è anche un esperimento. Spero che il lettore apprezzerà il tentativo.

Vorrei sapere perché la sua generazione è affascinata dalla donna combattiva e marziale, come nel romanzo è Nausicaa (anzi Nauzika). Da dove venga - se dai manga e dalle anime, dai film hollywoodiani o dalle serie TV - il culto del personaggio fragile che poi si riscatta, ma che "non nasce eroe".

Non mi sento di esprimermi a nome della mia generazione: ognuno ha le proprie, personali infatuazioni. Certo da Red Sonja, Lady Oscar, Lara Croft, Elektra fino a Beatrix di Kill Bill - e quante non ne ho citate? Tante e formidabili! - le eroine guerriere hanno segnato l’immaginario. Il loro fascino è erotico e marziale, bellissime e letali, un ovvio eros-thanatos. Ma, come anche ripete spesso James Cameron, regista di molti film di donne-combattenti, credo che questo genere di personaggi femminili affascini come "madri che proteggono". Da parte mia mi ritengo ispirato più dal cinema e dal fumetto occidentale che dai manga o gli anime giapponesi, che non conosco granché. Mi affascinano certi culti femminili e lunari: Ecate, Atena uscita armata dal cranio di Zeus e Diana implacabile cacciatrice; la Vergine Maria e Maddalena dei Catari… La stessa Nausicaa, che diventa Nauzika, non è un omaggio a Miyazaki, altrove citato nel corso del romanzo: ho usato il nome, mi hanno detto i miei genitori, che avrei avuto se fossi nato femmina. 
Circa "il personaggio che non nasce eroe, ma che poi si riscatta", trovo che sia l’effetto di ormai due decenni di modello narrativo del "viaggio" di Chris Vogler: applicato "a tappeto" a cinema, narrativa e televisione. Lo scorso anno ho provato a far caso, per statistica, a quanti film-blockbuster lo adottassero: tutti. Senza eccezioni e con minime variazioni. Né mi stupisce che venga tanto apprezzato da autori e pubblico, visto che si tratta di una struttura derivata da archetipi.

Da un punto di vista teorico, crede davvero - come accenna in uno dei passi più interessanti del libro - che la fisica moderna e la stregoneria abbiano qualche legame in comune?

Non la stregoneria com’è intesa in occidente; ma certe letture di Ernesto De Martino sullo sciamanesimo, o sulle pratiche e i principi del misticismo orientale… beh, possono sollevare inquietanti interrogativi.

Parliamo un po' della negromanzia, questa antichissima arte per viaggiare nel tempo...

Per essere precisi: la negromanzia (dal greco νεκρομαντεία, nekromanteía, composto di νεκρός "morto" e μαντεία "predizione")  è l’arte di predire il futuro a mezzo dell’evocazione degli spiriti dei defunti; oppure la messa in atto di pratiche cerimoniali, o di magia cerimoniale, in cui si utilizzano parti di cadavere. Per esempio: la celebre e disgustosa "Mano di Gloria". Per esteso, negromanzia è divenuto il termine con cui si chiamano tutte le pratiche di magia nera: dall’affatturazione all’evocazione di spiriti infernali. Sfogliando i grimori (ovvero "manuali") che ci sono pervenuti, la maggior parte dei quali "contaminati" dal XIV al XIX secolo dalla tradizione cristiano-cattolica, si possono trovare istruzioni per operare gli incantesimi più improbabili: dal "come far danzare nuda una fanciulla" all’ "inchiodare i nemici". Alcuni più inquietanti incanti però, quali per esempio "come percorrere grandi distanze pur rimanendo fermi in un luogo", o ciò che gli occultisti moderni chiamano "uscita in corpo astrale", mi hanno ispirato l’idea di scienziati-stregoni capaci di attraversare e annullare anche il tempo.

Infine, ci parli della sua vita attuale, dei racconti che ha già pubblicato e dei progetti che ha in cantiere.

Sono uno dei molti precari dell’Accademia italiana: concorro ogni anno a più incarichi possibile in diverse città e in diversi istituti, per ottenere a fine anno qualcosa che è ancora piuttosto lontano da quello che si chiama uno stipendio. Attualmente mi sposto da Pesaro dove vivo a Macerata, dove insegno Progettazione Multimediale presso l’Accademia di Belle Arti, a Rimini dove svolgo attività di tutor per il locale Polo dell’Università di Bologna; a Pescara dove insegno Scrittura Creativa presso Scuola Comic. Molte centinaia di chilometri e molti treni ogni settimana! Riguardo la scrittura, dopo aver pubblicato nel 2008 il romanzo fantastico Tristano (Edizioni Joker), nel 2011 l’antologia steampunk Qui si va a vapore o si muore! (Pyra) e aver partecipato a iniziative indipendenti come quelle promosse sul web dagli ottimi Alessandro Girola del blog "Plutonia Experiment" o Giovanni Grotto ("Minuetto Express"), sto portando a termine un planetary-romance ambientato ai confini di una barocca Via Lattea del XXVII secolo. Tuttavia, più lavoro più mi accorgo che sono piuttosto portato (e interessato) ai racconti: mi sembrano strutture più adatte ai ritmi e alla sensibilità del lettore contemporaneo. Né posso fare a meno di riflettere che proprio i racconti mi hanno meritato prestigiosi riconoscimenti quali i premi "Circo Massimo" e "Nella Tela" di Edizioni XII. Dopo il tema dei Senza-Tempo, vorrei interrogarmi, ancora a mezzo della lente del fantastico e della fantascienza, sull’aderenza del linguaggio alla realtà e su certe forme di degrado della società apparentemente ineluttabili. Obbiettivi presuntuosi e ambiziosi, mi rendo conto: ma anche uno scrittore deve pur diventare adulto, no?
Descrizione: Descrizione: https://mail.google.com/mail/images/cleardot.gif



You may also like

4 commenti:

  1. Risposte molto interessanti e còlte, e non lo dico per fare la sviolinata. Cultura e spirito di osservazione notevoli i tuoi, davvero.

    RispondiElimina
  2. Splendida intervista, si nota il tuo livello culturale "Oltre novemila" ;).
    Aspettando l'uscita :D

    RispondiElimina
  3. Molto interessante, soprattutto la parte su come t'è venuta in mente l'idea dei Senza-Tempo, io ti ho immaginato vagare tra i corridoi dell'università, tra professori cannibali e assistenti zombie.

    RispondiElimina
  4. Ok ragazzi, il pubblico se n'è andato. Quanto vi devo? :-D

    RispondiElimina

Edited by K.D.. Powered by Blogger.