Premio Urania 2012

Ho vinto il Premio Urania 2012 con il romanzo "I Senza-Tempo". Riporto qui di seguito il comunicato stampa Mondadori.

Cari lettori,
eccoci al consueto appuntamento con l’editoriale estivo. Quali novità ci aspettano? Cosa prevedono i prossimi mesi di letture? Per rispondere in modo esauriente, abbiamo diviso le notizie in tre settori, cominciando dalla più urgente. Passiamo quindi ad annunciare

Il vincitore del Premio Urania

Anche quest’anno, ricca partecipazione alla nostra competizione per il miglior romanzo italiano inedito. I partecipanti sono stati più di sessanta e la giuria composta da Federica Bottinelli, Silvia Castoldi, Mauro Gaffo, Marco Passarello e Sebastiana Vilia ne ha selezionati cinque da mandare in finale:

·         Stefano Agnoletto, Diario di un fuoriuscito
·         Italo Bonera, Demone
·         Alessandro Forlani, I senza-tempo
·         Samuel Marolla, Milano anno zero
·         Luigi Rinaldi, Hakkakei
·          
Dopo averli esaminati, l’editor dei Libri periodici Franco Forte e il curatore di “Urania”, Giuseppe Lippi, hanno assegnato il primo premio al romanzo I SENZA-TEMPO di Alessandro Forlani, che sarà pubblicato nel numero di novembre. Il libro di Forlani rompe con gli schemi della fantascienza di questi ultimi anni e comincia con un avvenimento del tutto inspiegabile nel 2012.
Di qui prosegue in due tappe distanti dodici anni l’una dall’altra, nel 2024 e 2036, sulle tacce di quattro strani vecchi con le facce segnate dalle verruche e particolarissime abitudini ereditate dalla notte dei tempi. I tre più innocui (si fa per dire) si chiamano Totali, Pantocrati e Maggioritariis: forse uomini d’affari, forse manipolatori della legge, visto che due sono anche legulei… e forse molto di più. Il quarto si fa chiamare Monostatos e ha in odio il mondo: “Io rattrappirò quest’aborto di epoca! Ho nostalgia di crinoline e carrozze, mi schifano gli edifici quadrati, mi annoia questo chiasso di cachinni, fragori e l’insipienza del tutto. M’irritano l’ovvio, il pratico, il razionale. Lo farò per appetito, cupidigia, capriccio, lo farò ‘perché sì’. Se l’universo ne sarà consumato io non me ne curo, sarò torpido, sazio. Il mio flato scoppierà nell’infinito…”. Il culmine del romanzo viene raggiunto in un crescendo di tensione che non deriva soltanto dalla sconcertante premessa, ma dalla discesa in una società italiana completamente malefica. Nell’attesa di scoprire insieme cosa c’è dietro, non possiamo che augurare buona pazienza a tutti!

Alessandro Forlani

sedicente scrittore, è nato negli anni '70 del XVII secolo, si è reincarnato nel XIX, nel XX e millenni a venire. Nerd, negromante e roleplayer e autore "difficile" di racconti fantastici. Di giorno si impaluda da docente universitario e ciacola di sceneggiatura, cinema e scrittura; di notte, che dovrebbe far l’artista, piuttosto guarda film, legge fumetti, ascolta musica barocca, gioca a soldatini e poi va a dormire. Perché crede che sia più sano scrivere in questo modo.

14 commenti:

  1. Rinnovo i miei complimenti.
    P.S.: per me però rimarrano sempre "I negromanti" :-)

    RispondiElimina
  2. I negromanti, sono sempre e solo i negromanti! complimentoni! vedo di aver puntato su un cavallo vincente!

    RispondiElimina
  3. Ti rinnovo i complimenti, Alessandro.
    Ad maiora!

    RispondiElimina
  4. Grazie, grazie, grazie a tutti ragazzi! Ai soliti quattro irriducibili lettori che hanno sopportato il manoscritto in corso d'opera e che a novembre troveranno in edicola un romanzo più maturo; e grazie a Maico Morellini (vincitore del Premio 2010 con "Il Re Nero"... che, dopo averlo letto, ho incominciato a frequentare Bologna e Reggio Emilia solo munito di pistola laser e granate al plasma!) :-D

    RispondiElimina
  5. E finalmente un miracolo!
    In Italia un talentuoso premiato?

    Domani lo spread diminuirà di un centinaio di punti u.u

    RispondiElimina
  6. Bravo! Lo ripeto anche qui e non mi stanco: BRAVO. Fianlmente una soddisfazione degna dell'impegno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Angelo! Per l'impegno e la causa della fantascienza italiana!

      Elimina

Edited by K.D.. Powered by Blogger.