Clara Hörbiger - fine!




La lussuosa vapormobile di Borri, nera, targata VITRIOL va' a capire per che accidenti, la attendeva sotto casa poco discosto al portone. Sbuffava dai fumaioli, borbottava impaziente: e l'odore di carbone e d'ammoniaca dal boiler, però, non coprì l'olezzo organico e maligno del conducente con gli occhi vuoti e rigido al volante. Un cappellaccio di stoffa lisa da vetturino nascondeva una faccia a malapena abbozzata; un impasto di terra e legno con rifiuti da obitorio, e caratteri in ebraico scavati in una guancia. L'alchimista si stravaccava sui sedili posteriori, svuotava una bottiglia e tirava da un buon sigaro: aperta la portiera la invitò ad accomodarsi.

Clara storse il naso del disgustoso pilota:
«Non era meglio un roboto?»
«Ma un golem costa meno.»
«Fa un orribile puzzo.»
«Ci s'abitua, bambina. Dov'è il tuo baule?»
Lei gli indicò quello ziqqurat di scatole, borse, valigie e necessaire che sorgeva sul marciapiede sulla soglia del suo palazzo. Borri levò gli occhi in un sospiro rassegnato, schioccò al golem che si occupasse di quelle some e il mostro, inesorabile, se le buttò sulle spalle, le chiuse in bagagliaio e tornò nell'abitacolo.
«Dov'è, questa volta, quel ruffiano di Nigra?»
«Mi sono licenziato, non andiamo a Torino.»
«Dove allora?»
«Nelle tenebre.»

(...)

Certo che no: non finisce così. E' solo un estratto per farvi incuriosire. Ma insomma, ieri 05.06.2015 ho concluso la stesura di "Un'Insulsa Invasione"; o, se preferite, le avventure di Clara Hörbiger. Nel weekend pausa film, gelato & soldatini; la prossima settimana si edita quel che si può; quindi... parola all'editore!

Alessandro Forlani

sedicente scrittore, è nato negli anni '70 del XVII secolo, si è reincarnato nel XIX, nel XX e millenni a venire. Nerd, negromante e roleplayer e autore "difficile" di racconti fantastici. Di giorno si impaluda da docente universitario e ciacola di sceneggiatura, cinema e scrittura; di notte, che dovrebbe far l’artista, piuttosto guarda film, legge fumetti, ascolta musica barocca, gioca a soldatini e poi va a dormire. Perché crede che sia più sano scrivere in questo modo.

Nessun commento:

Posta un commento

Edited by K.D.. Powered by Blogger.