Struzz from Another Space: ovvero il modellismo come supporto alla narrativa

/
4 Commenti
A volte non basta disegnare i propri mondi, macchine e personaggi; a volte occorre disporne fisicamente. In scala, s'intende: ma avere a disposizione un alieno Selenita, che ti scruta malignamente da una mensola mentre scrivi dell'imminente invasione, t'inquieta quel giusto che occorre a procedere. Perciò, sull'esempio del modellista Dino Gargano, ma lungi dall'eguagliare i suoi (capo)lavori, ho usato del DAS, Vinavil, cartoncino e cannucce per fabbricarmi questo perfido Struzzo.

Il primo passo è stato modellare la sagoma e incollarla su un piedistallo di bristol (ché altrimenti si ostinava cadere bocconi; anzi... becconi!):


In seguito ho aggiunto gli oculari del casco (dischi di cartone con dischetti da uno sprue); gli ugelli dello zaino (cannucce); vari tubi (pezzetti di elastico); gli unghioni o pseudo-dita dalle zampe inferiori (ancora frammenti del medesimo sprue).


E in ultimo ho dipinto con acrilici. Appena sarò certo della tenuta del DAS aggiungerò qualche minuzia per ovviare alle imperfezioni (esempio: bocchettoni di ottone per coprire l'attaccatura fra i tubi e l'umbone pettorale; ecc). Il Coso è alto 8.0 cm circa. Nella "realtà" dovrebbe essere 3 metri, quindi ho cercato di riprodurlo in scala-boh? con figurini da 1.72 o 1.48: in modo da realizzare le "scene", coi modelli militari e/o fantasy che posseggo, che mi aiutino a visualizzare, e rendere il più possibile realistiche, le sequenze di azione dei capitoli che scriverò. 

  
(... no, maligni: non è per giocarci!...)


You may also like

4 commenti:

  1. Non male! Io preferisco le basette cittadine, però, anche se rischiano di confondere il grigio del selciato con il grigio dell'esoscheletro, in effetti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1) è una tuta spaziale, non un esoscheletro: ciò dimostra le mie scarsissssssime doti di modellista :-D

      2) sssht, non facciamoci sentire a disputare di basette cittadine/con l'erbetta, ché ci sgamano quali i warham-nerd che siamo! ;-)

      Elimina
  2. Lo struzzo è bellissimo e un po' cucciolone. Come macchina da guerra però non lo vedo proprio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... le più letali sono così: apparentemente innocue e coccolose...

      Elimina

Edited by K.D.. Powered by Blogger.